cucito e diylifestylepinupvintage

Stoffe, che passione!

I sensi nascosti nei tessuti

Lo ammetto, ho un vizio che non mi dà tregua. É una malattia strana perché non ti lancia avvisaglie, ti colpisce quando meno te l’aspetti. Soprattutto per una come me che è totalmente indifferente alle vetrine e alla moda in generale.

Vengo rapita da quella strana curiosità di maneggiare e annusare la stoffa di cui sono fatti alcuni vestiti.

Passo le mani attraverso gli strati di tessuto, ne accarezzo la superficie con i polpastrelli, soppeso la struttura e mi riempio le narici di odori.

Non vi sto a dire quando entro in un negozio di stoffe! Non so riconoscerle ancora tutte, ma guardo gli scaffali come un bimbo guarderebbe una vetrina zeppa di dolciumi !

Negozio di stoffe

Questo mi capita sia quando entro nei negozi vintage sia in quelli di abbigliamento nuovo. Spesso passo tra le pareti colme di abiti appesi e resto ammaliata dalle stoffe. Per non parlare quando entro nei miei negozi di tessuti: un’arcobaleno di rotoli di stoffa si apre di fronte ai miei occhi. Ognuno ha i suoi problemi! 🙂

La stoffa riesce a stimolare in me tutti i sensi, e anche lo spirito, il famoso sesto senso.

Queste sono le sensazioni che la stoffa mi regala …

Il tatto con le sue consistenze e le superfici, stoffe rigide oppure fluttuanti, stoffe morbide a pelo raso come la ciniglia o soffici come la lana. Incredibile il velluto devoré: mediante un procedimento a base di bagni alcalini, il tessuto viene divorato in determinate zone, creando un disegno tridimensionale con una doppia consistenza; dove è stato schiacciata la stoffa è più liscia e fine e nelle altre zone è più consistente e felpata.

Come in questo abito di Marc Jacobs, a pois di velluto che vengono fisicamente fuori dal tulle.

Marc Jabobs. Stoffa: tulle e velluto devoré

La vista, con le trame dei disegni e le geometrie, oppure stampe applicate sulla stoffa e le tinte unite. E’ incredibile come i disegni sulla stoffa possano ingannare l’occhio! Ovviamente sapete come le linee verticali snelliscano e quelle orizzontali, al contrario, ingrassino. In particolare vado pazza per le linee di cucitura di alcuni tubini, fatte in modo tale che la silhouette sembri più snella e slanciata. Non che ne abbia bisogno Kate Moss in questo tubino di Stella McCartney.

Kate Moss indossa un tubino SMK. Stoffa geometrica

L’olfatto, perché quando varco l’ingresso di un negozio di stoffe entro in un mondo di odori: distinguo “a colpo di naso ” i sintetici dalle fibre naturali. Non so spiegare quali sono gli odori che colgo, ma non sono folle. C’è qualcun altro che lo fa, come Palmiro Péaquin. Lui non solo ne ha codificati diversi, ma ha realizzato, sulla base degli odori che si celano nei tessuti, la linea di profumi Uermi – pronuncia di wear me (indossami).

Palmiro Péaquin e le sue fragranze ispirate alla stoffa

Descrive il tweed così:

Con il profumo ti ritrovi immediatamente in Scozia, lungo il fiume Tweed. Il fumo delle fabbriche che lavorano la lana, l’acqua, l’umidità dei legni. Tutto finisce nell’odore di quella stoffa.

L’udito. Quando passo con le mani tra i tessuti, soprattutto quelli leggeri fatti apposta per certi capi estivi o per la lingerie, come la seta, li sento frusciare e immagino di essere in un campo di lavanda. Magari in Provenza, dove in primavera il mistral é implacabile con le gonne.
La stoffa ti porta in un viaggio di odori
Il gusto. No, non mi metto a masticare la stoffa! Ma ognuno di noi ha un proprio gusto nello scegliere cosa indossare e come abbinare. Chi ama i colori sgargianti e chi sceglie il monocromatico, chi opta per le fantasie e chi invece ama indossare stampe stilizzate su fondo neutro.
Ci sono poi gli stravaganti, qualcuno lo chiamerebbe cattivo gusto, io lo chiamo stile.
L'icona di stile Iris Apfel adora i contrasti di colori e stoffa
Lei è Iris Apfel, icona di stile irriverente ed istrionica, a 90 anni suonati è una vera influencer nell’ambito moda. I suoi look sono sempre ribelli e provocatori e, dalle sue dichiarazioni, la moda delle passerelle non sembra interessarle più di tanto.
«Non ci sono regole per lo stile: è questione di saper esprimere te stessa e avere attitude».

Non contenta di appagare i sensi, mi sono chiesta: e i tessuti vintage? Quali sono le differenze con le stoffe attuali? Come erano composti gli abiti delle nostre nonne, e ancora prima? Sono andata a ricercare, andando a ritroso attraverso l’innovazione del tessuto.

La stoffa da abbigliamento vintage era sicuramente in fibra naturale: via libera quindi al cotone, lino e mille altre fibre di natura vegetale, e quelle animali come la seta, lana e altri derivati del pelo. Su ETSY trovi una vasta selezione di tessuti vintage originali.

Le fibre artificiali e sintetiche sono invenzioni dell’uomo che videro la luce intorno agli anni ’30 con la trasformazione di materiali organici oppure con la creazione ex novo in laboratorio di nuovi polimeri. Il poliestere -comunemente detta lycra– e l’elastam per citarne alcuni, di cui sono zeppi gli abiti di oggi, iniziarono ad essere applicate all’industria dell’abbigliamento solo qualche decennio dopo.

 

1929 Silk stockings Bemberg. Stoffa: seta1955 Vayle nylon stockings. Stoffa: nylon

Il nylon invece ebbe subito un grande successo! Prima per la guerra, i paracaduti erano fatti di nylon, e poi per le setole di spazzole e spazzolini. Ma il vero boom a questo nuovo materiale lo hanno dato le donne, che acquistarono le calze non più di seta, ma confezionato con moderno nylon che era molto più comodo da indossare e più accessibile.

Curiosità: la seta non è elasticizzata, ed è proprio per questo che è stato inventato il reggicalze. Senza, le calze non stavano su!

 

Prima degli anni ’60/70 l’elasticizzato era praticamente introvabile, con tutti gli inconvenienti del caso in fatto di confezione. I materiali sintetici hanno agevolato l’industria non di poco, nei tempi e costi di realizzazione, nella vestibilità e nella nascita della produzione di massa. La sarta, ahimè, è un lavoro artigianale che sta svanendo nel nulla insieme a secoli di sviluppo delle tecniche manuali.

In quanto a fantasia invece le tecniche di stampa su tessuto esistono da sempre; cambiano solo i metodi e i prodotti. (un mega grazie a Sarah Monterossi, con la tua tesi mi hai aperto un mondo)

Tecnica di stampa della stoffa con la planca di legno

Dalla planca, la matrice di legno intagliato che si usava come un timbro, alla stampa batik indonesiana, si è passati dai colori pittorici (si disegnava la stoffa proprio come la tela di un quadro) ai colori tintori a base di erbe e piante.

Stampa della stoffa con la tecnica batik
Tecnica batik

La stampa tessile moderna, ancora una volta, è nata di pari passo con i coloranti chimici di
sintesi e l’invenzione della stampa a quadro, un metodo davvero particolare secondo me: il colorante è impresso nel tessuto proprio come accade in fotografia! La tela viene coperta da una speciale emulsione e poi colpita da un’immagine luminosa con il “disegno” da stampare, e mediante un passaggio in camera oscura viene eliminato tutto il resto.

Genialità di altri tempi!

Spero che questo viaggio sensoriale e storico sia stato interessante per voi quanto lo è stato per me! 😉 Alla prossima avventura nel vintage!

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *